domenica 25 novembre 2007

Le Case Astrologiche, la suddivisione "orizzontale" e "verticale" del tema natale

Per considerare i tempi in relazione ad un tema andrebbero esaminate la rivoluzione solare annuale, le direzioni primarie, i transiti. In questo contesto però partendo da un'affermazione di un grande matematico e astrologo tedesco H.Freiherr Von Klokler, cerchiamo di analizzare una prima relazione nel tema natale con eventuali momenti.

H.Freiherr Von Klokler scrisse nel suo Corso di Astrologia (Edizioni Mediterranee, 3° Volume, prefazione di Tommaso Palamidessi): "I pianeti che si trovano nella metà orientale dell'oroscopo segnalano avvenimenti che si svilupperanno nella tarda giovinezza e all'inizio dell'età adulta. Quelli che occupano la metà occidentale vanno riferiti agli eventi dell'autunno della vita; mentre il M.C. e i gradi ad esso vicini vanno associati agli anni della maturità e l'I.C. alla vecchiaia, alla fase conclusiva della vita. Sarebbe interessante esaminare attentamente gli oroscopi di personaggi famosi partendo da questa impostazione del problema. Per quanto ho potuto constatare nei casi caratterizzati da marcati accumuli planetari, sembra confermata la suddivisione cronologica dell'oroscopo in metà e quarti. ..."

Cerchiamo di analizzare cosa sono le 12 Case Astrologiche. Esse sono in relazione ad una ulteriore suddivisione del tema natale e identificano dei settori che cercheremo di intelligere sempre utilizzando la metodologia di comprensione per analogia.

Ogni casa è caratterizzata da una Cuspide (cioè il punto in cui inizia la casa) e ogni casa può attraversare uno o più segni zodiacali.
  • La cuspide della 1° casa individua l'Ascendente (A.S.).
  • La cuspide della 4° casa individua il Fondo Cielo (F.C. - I.C.).
  • La cuspide della 7° casa individua il Discendente (D.S.).
  • La cuspide della 10° casa individua il Medio Cielo (M.C.).
La carta viene dunque suddivisa da due assi rispettivamente negli emisferi orientale e occidentale ed anche negli emisferi diurno e notturno. I quattro punti di intersezione di questi due assi con l'eclittica determinano la suddivisione delle case.

L'Ascendente e il Discendente dunque individuano l'orizzonte: l'individuo e la complementarietà dell'individuo visto che se l'Ascendente, la prima casa è in relazione alla personalità dell'individuo, al dinamismo esteriore dell'invididuo, anche alla volontà d'azione dell'inviduo, al lato opposto si trova il complemento dell'invidiuo, la 7° casa legata appunto al matrimonio, al coniuge, alle associazioni con gli altri, ecc..

Quest'asse orizzontale divide dunque il tema in una parte superiore o diurna e una parte inferiore o notturna e rappresenta l'orizzonte locale al momento della nascita. Il punto che interseca l'eclittica all'orizzonte orientale viene chiamato l'Ascendente. Esso è anche l'inizio o cuspide della prima casa. Opposto ad esso, sulla cuspide della settima casa, troviamo il Discendente. I pianeti situati in prossimità dell'Ascendente in un tema, sono in ascesa, sono appena sorti, mentre i pianeti che si trovano vicino al Discendente sono calanti.

Il Medium Coeli e l'Imum Coeli identificano un altro asso, verticale in relazione al meridiano ovvero un cerchio che passando attraverso l'equatore, congiunge i poli, passando attraverso i punti Zenith e Nadir. Infatti può essere il meridiano definito anche come la linea che congiunge lo Zenith (il punto nella sfera celeste al di sopra della testa dell'osservatore) e il Nadir (il punto più basso al di sotto della Terra e dell'osservatore ed opposto allo Zenith), un punto immaginario tra i poli Nord e Sud.

Il secondo importante asse nella divisione delle case è dunque il meridiano. Esso divide l'oroscopo nell'emisfero orientale (sulla sinistra della carta di nascita) e nell'emisfero occidentale (sulla destra della carta natale). Il punto più alto d'intersezione di questo asse con l'eclittica è chiamato Medium Coeli (MC) o Medio Cielo, il punto più basso (situato sotto l'orizzonte) è il Fondo Cielo, denominato anche l'Imum Coeli (IC). I pianeti che si trovano vicino al MC occupano il posto più alto possibile nel cielo al momento della nascita, mentre i pianeti posti vicino all'IC sono per così dire sotto i nostri piedi, dall'altra parte della terra.

Di solito ognuno di questi quattro quadranti viene ulteriormente suddiviso in tre segmenti determinando le 12 case astrologiche; se pur differenti suddivisioni sarebbero possibili. Ci sono vari modelli matematici secondo i quali vengono calcolate le case, ovvero sistemi di domificazione (Placido, Koch, Regiomontano, ecc.). A causa dei diversi metodi va ricordato che pianeti che sono posti alla fine di una casa, possono essere interpretati come influenzanti la casa successiva.

Disponendo dunque di queste informazioni sulle Case e delle indicazioni di H.Freiherr Von Klokler o di altri valenti astrologi, cerchiamo analizzando temi di comprenderne meglio il significato.

1 commento:

  1. ....è una vita che non prendo più in mano i 3 libri del Von Klokler !!!
    -----------------------------------

    ...certo che i significati di ieri si sono evoluti; molte definizioni sono cambiate o si sono arricchite altre sono ancora controverse ... Ciao!

    RispondiElimina

Potete lasciare un commento, grazie!